Oftal Bra Lombriasco Oftal Bra Lombriasco Oftal


Aiutaci ad aiutare




Come? Segnando nell'apposito modulo il codice fiscale dell'associazione


94020940022

Lourdes


Mensile dell'OFTAL

Per iscriverti compila il vaglia postale con: c.c.00253138

Perchè continuiamo nel nostro servizio
foto news

Molte persone ci domandano 'ma cosa vai a fare a Lourdes?' oppure 'preferirei spendere quei soldi in una vacanza!'... Punti di vista.
Ogni volontario porta dentro di sé molte motivazioni che lo spingono a partire la prima volta e a ripartire la seconda, la terza, e così via...


Io credo che ognuno di noi nel profondo del proprio cuore senta il bisogno e la necessità di ritornare a Lourdes perché ciò che si fa in quel luogo fortifica lo spirito e si rivela un regalo e un toccasana per la propria persona, oltre che per chi viene aiutato.
Credo fortemente che il motivo che ci spinge a ripartire sapendo di non andare in un centro benessere sia proprio quello: andare a Lourdes, aiutare i malati, lavorare e sacrificare ore di sonno, per un volontario Oftal significa ritornare a casa fortificati, rilassati e 'in pace con se stessi', consapevoli che aiutare gli altri fa bene!
I mesi precedenti la partenza sono intensi, ricchi di incontri, di preghiera, di lavoro: la cosa più facile da fare prima di partire è sicuramente la valigia! Non c'è nulla di più semplice che preparare il bagaglio, rispolverando le divise che per un anno sono state conservate con cura e che ognuno di noi indossa con orgoglio e felicità sapendo di far parte di questa grande famiglia.
Poi via, si parte con la voglia di incontrare vecchi e nuovi amici e di condividere una nuova esperienza: perché un altro motivo che ci fa tornare è proprio quello di affrontare una nuova avventura, diversa ogni anno, sebbene i luoghi siano sempre gli stessi.
Poi c'è sempre quel qualcuno 'speciale' che Maria mette sul nostro cammino, quel qualcuno che in punta di piedi tocca le corde più profonde delle nostre anime, quel qualcuno che, una volta ritornati a casa, ci fa ancora emozionare perché nella propria sofferenza ha saputo dimostrarci la passione per la vita. E questo forse è il motivo principale che ci spinge a ritornare ogni anno...
Chi è nella sofferenza racchiude in se' una profonda, grande passione per la vita e sa trasmetterla a chiunque abbia intorno: noi volontari siamo molto fortunati perché in quella settimana carichiamo le pile di amore, che ci accompagna fino alla partenza successiva.

Paola Prat